A NATALE REGALATE LA MAGIA AI BAMBINI

Se volete deludere un bambino ditegli che Babbo Natale non esiste e ci riuscirete appieno. Se volete renderlo felice, ditegli che esiste e, anche se lui non può vederlo, Babbo Natale c’è. Il Natale è una festa che coinvolge tutti: grandi e piccini, i sentimenti di gioia comune, l’aria di festa, la voglia di stare insieme sono sentimenti che non hanno età, ma sono loro, i bambini, quelli che nel Natale trovano ancora, beati loro, tutta la magia che questa Festa porta con sé. Magia che a volte, purtroppo, si perde con gli anni.

Per questo quando ci sono bambini in casa il Natale diventa ancora più speciale: nei loro occhi, nel loro entusiasmo rivediamo quello che era il nostro sguardo, il nostro entusiasmo. Per questo dobbiamo (ne abbiamo il dovere), tutelare la magia del Natale e rendere speciale ogni Natale dei nostri bambini, che diventerà speciale per tutti.

Babbo Natale che scende dal camino e che, forse, porta il regalo che il bambino gli ha chiesto nella letterina, le visite dei nonni e degli zii, l’arrivo dei cuginetti, l’albero con le luci accese, sono tutti elementi che rendono il Natale dei bambini magico.

E se noi pensiamo al menù del pranzo di Natale, agli ultimi regali da acquistare, a cosa indossare per l’occasione, loro, i bambini, si preoccupano se Babbo Natale porterà loro il regalo desiderato, se troverà la loro casa, se riuscirà ad entrare anche se non c’è il caminetto, se sono stati abbastanza bravi durante l’anno.

Purtroppo anche se i centri commerciali durante il periodo natalizio si vestono a festa, anche se le vetrine del centro storico sono decorate con pupazzi di neve e palline colorate, anche se le strade si illuminano di luci ed alberi di Natale giganti, anche se nei terrazzi abbondano i Babbi Natale acrobati, spesso si perde di vista quello che è il vero senso di questa Festa. E, soprattutto se ci sono dei bambini, questo non deve accadere. Se avete la fortuna di avere un bambino in casa potete, anzi, dovete rendere il suo Natale speciale. E per farlo non servono regaloni o chissà quali sorprese, serve solo una cosa, che non costa nulla, che non ha prezzo: trasmettergli la magia del Natale.

La magia del Natale comprende tutto: dall’attesa, nella notte della Vigilia, di Babbo Natale, alla preparazione del pranzo natalizio (o della cena della Vigilia per chi festeggia il 24 sera), dalla condivisione della natività (che si può raccontare in modo semplice utilizzando le statuine del presepio), alla gioia dello scartare i regali. Il Natale regala un insieme di emozioni che il bambino si porterà dietro per tutta la sua vita, per questo dobbiamo renderlo speciale, magico.

Certo abitare in un villaggio innevato con il suono della zampogna e della cornamusa aiuterebbe ad entrare nello spirito natalizio ma vi assicuro che per i bambini basta molto ma molto meno. E’ sufficiente ripercorrere quelle che sono le tradizioni, ricordare il vero senso di questa festa e viverla con la gioia tipica dei bambini.

La magia del Natale può iniziare dalla preparazione dell’albero di Natale che potete fare con il vostro bambino, anche preparando le decorazioni a mano, assieme a lui. Decorare l’Albero di Natale insieme è un’attività importantissima e poco importa se le palline non saranno perfettamente allineate, se i colori non sono perfettamente abbinati: il nostro albero un po’ “sbilenco” sarà perfetto perché è stato composto da tutta la famiglia insieme con amore, con il sorriso, con la voglia di avere questo nuovo “componente della famiglia” che ci terrà compagnia fino alla Befana. 

Se siete a corto di idee o di fantasia, nelle librerie e nelle edicole ci sono tantissimi libri per bambini a “spirito natalizio” di tutte le fasce di prezzo, libri coloratissimi, che raccontano in maniera divertente a volte a mò di filastrocca, ed a “misura di bambino” storie legate al Natale. Leggere questi libri al vostro bambino la sera, per farlo addormentare lo aiuterà a conoscere le “dinamiche del Natale”, a fantasticare sulle renne, sui Re Magi, sulla stella cometa.

Anche la preparazione del presepio è importantissima anche perché consente di illustrare quello che è il vero spirito di questa Festa. Raccontare la storia di Gesù con l’aiuto delle statuine sarà molto coinvolgente per il bambino. E magari fate mettere a lui la statuina di Gesù bambino nella culla la mattina di Natale (se è già addormentato la notte della Vigilia), cosicché questo momento così importante possa restare impresso nella sua mente.

Ovviamente non c’è Natale che si rispetti senza letterina. La preparazione della letterina per Babbo Natale deve essere molto accorta e deve esserlo anche la sua spedizione (ricordate che i bambini sono attentissimi a queste cose!) che può avvenire in diversi modi: o si consegna direttamente al postino “complice” che, ovviamente, conosce l’indirizzo di Babbo Natale, oppure si può appendere all’Albero e Babbo Natale la leggerà al momento e dalla sua sacca gigante tirerà fuori il dono richiesto.

Ma il Natale deve anche essere l’occasione per insegnare al bambino quanto è bello donare, oltre che ricevere: la magia del Natale è anche questoPiuttosto che cercare regali nei negozi (questo potete poi comunque farlo voi), potete preparare dei piccoli regali fatti a mano per i parenti e gli amici assieme al vostro bambino, sarà un modo per insegnargli a donare, a mettere impegno per rendere felice qualcun altro. Il regalo non deve essere chissà che cosa: un disegno per i nonni, un personaggio realizzato con la pasta di sale per gli zii, una cornice decorata, una scatola porta tutto di cartone coloratissima, sono tutte piccole-grandi idee che possono dare l’occasione al bambino per sentirsi ancora più partecipe e in più gli daranno la soddisfazione di regalare qualcosa realizzato con le sue mani.

Non serve vestirsi da Babbo Natale per convincere il bambino dell’esistenza del nonno di tutti che porta i regali. Anzi, spesso il travestimento può essere controproducente (alcuni bambini si spaventano), inoltre se il bambino scorgerà qualche volto a lui noto dietro barba e cappello, in lui potrebbe davvero sorgere il dubbio sulla esistenza di Babbo Natale. Piuttosto la sera della vigilia preparate con il vostro bambino uno spuntino per Babbo Natale (una fetta di torta ed un bicchiere di latte o un panino o dei biscotti, senza dimenticare acqua e carote per le renne!!) e la mattina fate trovare il piattino vuoto e qualche briciola per terra: ecco la prova che Babbo Natale è passato per davvero. E i tanti improbabili Babbi Natale sparsi per le piazze e nei Centri commerciali possono diventare, agli occhi dei bambini, degli aiutanti in “divisa” che raccolgono le letterine in giro e le richieste dei bambini (con così tanti bambini Babbo Natale ha bisogno di un aiuto).

Condividete con il bambino la sorpresa nello scartare i regali, fatevi vedere entusiasti e sorpresi, non “scocciatevi” se il bambino vi salta nel letto all’alba per la fretta di scartare i regali: vi ricordate quando eravate piccoli? io lo ricordo e ricordo come fosse ieri il desiderio irrefrenabile di alzarmi per correre a scartare i pacchetti sotto l’albero. Quindi siate flessibili con le regole sull’apertura dei regali.

Dopo il pranzo se intendete trascorre il pomeriggio a casa, potete scegliere dei giochi di società da fare tutti insieme: dal nonno al bambino. Anche un film di animazione per tutta la famiglia è un bel modo per stare assieme. Una musica natalizia in sottofondo e l’albero di Natale con le luci accese renderanno l’atmosfera ancora più piacevole.

In queste poche mosse, seguendo questi semplicissimi consigli, potete rendere questo giorno un giorno davvero speciale per il vostro bambino (e quindi anche per voi), un giorno in cui saranno banditi musi lunghi e lamentele, un giorno di gioia e di Pace.

E la sera fate con il vostro bambino un bel riepilogo della meravigliosa giornata trascorsa, lui avrà la certezza che Babbo Natale esiste (altrimenti chi ha mangiato i biscotti?), che ha approvato il suo comportamento durante l’anno (altrimenti perché gli avrebbe fatto il regalo chiesto?), che è vero che a Natale sono tutti più buoni e si addormenterà felice aspettando il prossimo Natale.

Tratto da: www.magiconatale.it

Lascia un commento